Skip to content

IL TAR DEL LAZIO BOCCIA NUOVAMENTE LA GELMINI

15 aprile 2011

LA SENTENZA

Tar: “illegittimi” i tagli al personale
Battaglia sulle graduatorie dei precari

Il Tribunale amministrativo del Lazio boccia le circolari della Gelmini che hanno “eliminato” 67 mila cattedre in due anni: al momento nessuno può prevedere le conseguenze. L’Avvocatura dello Stato: impossibile impedire lo spostamento di provincia senza una legge ad hoc

di SALVO INTRAVAIA

Annunci
One Comment leave one →
  1. ma i tagli restano... permalink
    18 aprile 2011 14:23

    Sentenza Tar: sconfitta del Ministero, ma i tagli restano
    (da: http://www.tecnicadellascuola.it)
    di R.P.
    16/04/2011
    Sentenza Tar: sconfitta del Ministero, ma i tagli restano
    I tagli ormai sono stati fatti e non si torna indietro. Chi ha subito danni potrebbe fare una causa civile, ma il Ministero potrebbe sanare la questione e chiedere l’intervento delle Commissioni parlamentari.
    La sentenza con cui il Tar Lazio dichiara l’illegittimità dei decreti interministeriali del 2009 e del 2010 in materia di organici (ne parliamo in altro articolo del sito) rappresenta senza dubbio – almeno per ora- una vittoria delle organizzazioni che hanno sostenuto il ricorso e una sconfitta del Ministero dell’Istruzione.
    Fermo restando il fatto che il Ministero può ricorrere al Consiglio di Stato e che spetterebbe a questo organo dire l’ultima parola sulla vicenda, il dispositivo del Tar Lazio mette in evidenza un comportamento un po’ troppo semplicistico del Ministero che non si sarebbe “ricordato” dell’esistenza di una norma risalente addirittura al 2001 secondo la quale i decreti interministeriali sugli organici dovrebbero essere adottati previo parere delle Commissioni parlamentari competenti.
    La norma in questione, tra l’altro, è l’articolo 22 della legge 448 del 2001, ossia della legge finanziaria per il 2002 approvata quando Silvio Berlusconi era Presidente del Consiglio e Giulio Tremonti ministro del Tesoro.
    Adesso, però, bisogna capire se questa vittoria nelle aule giudiziarie potrà avere conseguenze pratiche.
    Una prima osservazione pratica è questa: i decreti sono illegittimi ma ormai sono stati applicati e i tagli sono stati effettuati e sarebbe illusorio pensare che i 50mila posti cancellati possano essere ripristinati.
    Tutt’al più – e la sentenza del Tar lascia intravedere questa possibilità – chi è stato leso dall’applicazione dei decreti potrebbe intentare una causa civile nei confronti del Ministero e chiedere il risarcimento dei danni.
    Ma, come si sa, i processi civili nel nostro Paese sono costosi e interminabili.
    E, nel caso in questione, sarebbe forse sufficiente che il Governo acquisisse ora i pareri delle Commissioni parlamentari sanando in tal modo l’irregolarità.
    Anzi, è molto probabile che sul decreto interministeriale per il 2011/2012 venga richiesto il parere del Parlamento e che, nella stessa occasione, si chieda alla Commissioni di ratificare anche i due decreti contestati dal Tar.
    Insomma: diciamo che la sentenza di questi giorni equivale ad un sonoro 2-0 inflitto al Ministero al termine del primo tempo, ma – per continuare con il gergo calcistico – “la palla è rotonda” e bisogna quindi aspettare il fischio finale per capire chi vincerà la partita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: