Skip to content

UDINE: proibito in modo pretestuoso un corteo studentesco

14 febbraio 2013

pubblichiamo il comunicato del Movimento Studentesco di Udine

Succede a Udine: la questura tenta di vietare il corteo del 15 febbraio

organizzato dal Movimento Studentesco di Udine

Non ci fermerete mai!

I fatti. Il 15 febbraio è stata indetta una giornata di mobilitazioni studentesche a livello nazionale contro le politiche di austerità, le riforme scolastiche e la non risolvibilità del problema con le prossime elezioni, a cui il Movimento Studentesco di Udine ha deciso di aderire. Il 31 gennaio, abbondantemente entro i termini e nei modi previsti dalla legge è stata data comunicazione a comune, questura e vigili urbani sullo svolgimento corteo. Fino a qualche giorno fa non c’è stato nessun problema: la digos aveva confermato su apposita domanda che il corteo si poteva fare e i vigili urbani hanno rilasciato tutti i permessi necessari. Tuttavia oggi, 13 febbraio, un nostro compagno è stato convocato in questura dove la digos ha comunicato verbalmente che il corteo non si potrà svolgere a causa della campagna elettorale, grazie a una legge interpretata dal questore Tozzi. Subito è stato contestato il fatto che non siamo un partito politico, non facciamo campagna elettorale per nessuno e che non siamo a conoscenza dell’esistenza di una legge che vieti i cortei in queste situazioni. Quindi è evidente che se si terrà il corteo saremmo passibili di denunce e hanno detto che nel caso volessimo fare un presidio dovremmo darne comunicazione entro oggi stesso.Dal punto di vista formale e legale le autorizzazioni sono state fatte in maniera corretta (lo dimostrano i nullaosta rilasciati dai vigili) e non esiste una legge che vieti i cortei a causa della campagna elettorale, anche se fosse sono stati autorizzati presidi nei giorni scorsi a Udine e cortei in altre città d’Italia (in piena campagna elettorale). Inoltre non siamo obbligati a dare comunicazione immediata del presidio entro oggi perchè deve esserci dato il tempo di valutare la situazione e semmai è la questura che deve fornire percorsi ed opzioni alternative.

Il Movimento Studentesco di Udine denuncia la gravità dell’accaduto, la violazione del diritto a manifestare e le intimidazioni della digos. Ci risulta anche strano che la comunicazione del divieto sia stata fatta oralmente e non risulti nulla di scritto. Il tutto sembra solamente una minaccia per spaventare gli studenti e bloccare qualsiasi movimento di dissenso.

E’ chiara l’intenzione della questura di Udine di far passare in silenzio questa triste farsa. Il nostro compagno è stato convocato con chiaro intento intimidatorio, a due giorni dalla manifestazione e dopo tredici giorni dalla notifica, e con l’intenzione di fare annullare il corteo dal Movimento Studentesco e non dalla questura, che ribadiamo non ha rilasciato nessun documento. Ora vogliamo che questore e questura si assumano le proprie responsabilità, che comunichi in maniera scritta la posizione della questura e che si esponga in prima persona e non tramite la lunga mano della digos. Aspettiamo che il questore si assuma la responsabilità di aver inventato o deformato le proprie leggi e per salvaguardare gli interessi di chi? Dei soliti partiti e facce note che da anni fanno il bello e cattivo tempo, fanno e disfano ma alla fine a rimetterci sono sempre le persone e le nostre terre.

E qui, cari “signori”, siete voi che perdete continuando a ignorare le richieste della gente. Le motivazioni per cui scenderemo in piazza il 15 febbraio assieme ai nostri compagni delle altre città italiane, sono il rifiuto delle politiche di austerity, e in generale delle politiche perpetuate nel corso di questi anni sia dalla destra che dalla sinistra a partire dalle riforme scolastiche che in primis colpiscono noi studenti, i professori e il personale ata, per continuare con le riforme del lavoro, del welfare, della sanità e in generale dei beni pubblici che ricadono sulle nostre famiglie e su tutte le persone che ci stanno a fianco. L’altro motivo per cui è stata indetta la manifestazione è la convinzione che queste elezioni non cambieranno nulla, lo dimostrano i fatti citati nelle righe precedenti e il vostro assurdo comportamento.

Con questo teatrino repressivo siete riusciti a dare ancora più forza alle nostre convinzioni, a fornirci l’ennesimo esempio delle bugie e delle menzogne che riuscite a inventarvi ogni volta. E inoltre ci avete dimostrato ancora una volta la fortissima paura che avete di noi, della libera gente che ancora pensa con la propria testa.

Per questo noi venerdì 15 febbraio scenderemo in piazza, e oltre alle rivendicazioni che portiamo avanti da tempo avremo un nuovo motivo per manifestare e gridare ancora più forte.

Giovedì 14 febbraio alle 17.00 nell’aula sindacale di Palazzo Antonini (Università) si terrà l’assemblea del Movimento Studentesco di Udine per discutere della situazione e pianificare le mobilitazioni in vista dello sciopero del 15 febbraio.

Noi non cediamo ai ricatti, noi non stiamo in silenzio: pretendiamo il rispetto del nostro diritto di manifestare! Di fronte a questo ennesimo soppruso, diventa sempre più evidente che il re è nudo, vogliamo prendere il mondo intero abbattendo questo sistema di gerarchia e potere!

L’ALTERNATIVA STA NELLA LOTTA, NON NEI SEGGI ELETTORALI!

Movimento Studentesco di Udine

studentiudine@inventati.org

studentiudine.org

fb: Movimento Studentesco Udine

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: