Skip to content

RENZI STAI SERENO…

18 giugno 2015

flah mob Udine 5 maggio 2015 2RENZI (SCOTTATO ANCHE DALLA DEBACLE ELETTORALE) PROMETTE DI “RIVEDERE” LA BUONA SCUOLA (MA INTANTO CERCA DI ADDOSSARE AGLI OPPOSITORI LA MANCATA ASSUNZIONE DEI PRECARI).
IL SOGGETTO NON E’ NUOVO A QUESTE MOSSE TATTICHE (RICORDATE L’ “ENRICO, STAI SERENO” RIVOLTO A LETTA POCO PRIMA DI ACCOLTELLARLO ALLA SCHIENA ?)
NON FACCIAMOCI INGANNARE E MANTENIAMO ALTA LA MOBILITAZIONE !

Le parole potrebbero non bastare

14 giugno 2015

Il Blog Di Giuseppe Aragno

Cara amica,
dopo il colpo di grazia alla scuola, non riesco a immaginare la sorte dell’università, che ho lasciato tempo imagesfa, come sai, per un moto di invincibile disgusto. Non è bastata la sparuta minoranza che rappresenti a tenermici dentro. Non so che accadrà, ma un dato di fatto basta e avanza a tingere di nero le previsioni: quando dovrete accogliere studenti privi di autonomia di pensiero, nemmeno la migliore delle accademie potrà far fronte all’analfabetismo di valori che salirà in trono. Aggiungici il fatto che nessuno porrà mano ai problemi veri della ricerca – si fa anzi di tutto per renderla serva – e il quadro diventa più chiaro.
Ho sputato l’anima per trovare consensi attorno a una iniziativa “illegale” contro la falsa legalità di Renzi, ma di occupare le scuole, per esempio, provocare uno scontro vero e giungere ai docenti in manette, non se n’è mai fatto nulla…

View original post 720 altre parole

Vivalascuola. L’università contro la scuola di Renzi

10 giugno 2015

La poesia e lo spirito

Vivalascuola presenta 80 voci di docenti universitari a cui abbiamo chiesto 5 righe sul DDL sulla scuola in discussione al Senato, accompagnate da una riflessione di Giovanna Lo Presti. Una raccolta di dichiarazioni in cui emerge la pluralità e varietà delle voci, ognuna con un proprio timbro e con lo spessore di una storia e una cultura, eppure tutte convergenti non tanto nella contrarietà alla “Buona Scuola” di Matteo Renzi, quanto nella difesa dei valori dell’istruzione e della formazione. Così, mentre larenzianissima” delle riforme non supera l’esame di costituzionalità in Senato, il Presidente del Consiglio, dopo aver unito il fronte sindacale, riesce anche nell’impresa di colmare il tradizionale scollamento tra scuola e università. In pochi giorni tanti docenti hanno risposto al nostro appello che lamentava la scarsa presenza dell’università nel dibattito sulla “riforma“. E il giudizio è pressoché unanime: questo DDL…

View original post 17.111 altre parole

UDINE 5 GIUGNO: UNA FIACCOLATA 2.0 CONTRO LA #BUONASCUOLA

29 maggio 2015

L’iter legislativo del disegno di legge “Buonascuola” approda al Senato e
prosegue spedito: né Governo né maggioranza parlamentare hanno sino ad ora ascoltato le
critiche e le proteste di personale scolastico, studenti e famiglie.
flah mob Udine 5 maggio 2015 2Eppure gli elementi del disegno di legge potenzialmente dannosi per la nostra scuola sono tanti, e
con fermezza li abbiamo denunciati da tempo. La riforma, ricordiamolo, discende da un’idea
banale di scuola, che è “buona” solo se in essa opera un dirigente forte e solo al comando, mentre
i docenti sono impegnati a competere tra loro.
Noi invece affermiamo che la scuola è un’altra cosa, ovvero una zona franca dalla competizione
selvaggia perché educa alla collaborazione e ove vige la libertà di pensiero e di insegnamento, la
collegialità, la cooperazione tra professionisti; nella scuola infine il dirigente scolastico è garante
dell’autonomia dei docenti e non per loro una potenziale minaccia.
Cittadine, cittadini, lavoratrici e lavoratori della scuola, studentesse e studenti assieme
reclameranno dunque il ritiro del disegno di legge con una FIACCOLATA 2.0 che si terrà venerdì 5
giugno dalle ore 20.30 in piazza Matteotti a Udine.
La fiaccolata sarà 2.0 perché i manifestanti porteranno come segno distintivo una fonte luminosa
elettrica o meccanica: lampade portatili a batteria, smart phone o tablet, torce a ricarica manuale,
pile elettriche, persino la luce a dinamo delle biciclette (anche se in questo ultimo i manifestanti
dovranno muoversi di continuo!).
Chi invece porterà una più tradizionale candela provvederà a fornirla di protezione per non
disperdere la cera e sarà responsabile del suo smaltimento.
Al termine della fiaccolata è prevista una assemblea in piazza e alcuni sindacalisti nostri amici
saranno disponibili a chiarire dubbi e a soddisfare ogni richiesta da parte dei docenti sul bruciante
tema del blocco degli scrutini.
L’evento “Fiaccolata 2.0” è presente su Facebook all’URL: https://www.facebook.com/
INCONTRIAMOCI VENERDÌ 5 GIUGNO IN PIAZZA MATTEOTTI – UD
PER LA FIACCOLATA 2.0 DALLE ORE 20:30
Adotta la LIP – Comitato di Udine

Il capo spergiuro

27 maggio 2015

Il Blog Di Giuseppe Aragno

Se, come pare accertato, anche dal peggio chi vuole ricava insegnamenti positivi, val la pena provare. La citazione testuale è indiscutibilmente lunga, ma anche incredibilmente «istruttiva». Con le parole che Copia di spergiuroseguono si apre il punto 2 dell’articolo 1 della riforma Giannini, la nauseante «buona scuola» di Renzi:
«Le istituzioni scolastiche – si legge – garantiscono la partecipazione alle decisioni degli organi collegiali e la loro organizzazione è orientata alla massima flessibilità, diversificazione, efficienza ed efficacia del servizio scolastico […]. In tale ambito, l’istituzione scolastica effettua la programmazione triennale dell’offerta formativa».
Una vergogna linguistica, prima ancora che politica. Basta leggere, per sentire d’istinto il bisogno irresistibile di ribellarsi. Non so che si intenda per «istituzioni scolastiche», ma registro un dato: gli Organi Collegiali non decideranno più nulla in piena autonomia. E’ un fatto sconvolgente che nessun linguaggio criptato, nemmeno quello da loggia massonica in cui è scritta la legge…

View original post 630 altre parole

La prossima volta ti dirò che facevano i Gap

24 maggio 2015

Il Blog Di Giuseppe Aragno

Cara amica,
il tuo messaggio affettuoso suona per me come un meritato rimprovero. Mi faccio sentire poco e lo so. downloadAnch’io ti penso spesso, però, e spero che le cose non ti vadano troppo male. Non dico bene, perché di questi tempi non è assolutamente possibile; tutto quanto si può fare è difendersi, provando a farsi scivolare addosso il disastro che travolge il Paese. Io mi chiudo a riccio, mi isolo, scribacchio, rifletto e ricomincio a lavorare per i miei due libri il che significa che, di fatto, non ne sto scrivendo nessuno e questo non mi piace. Per le Quattro Giornate potrei certamente considerare chiusa la ricerca e so anche che ne verrebbe fuori un ottimo lavoro. Il fatto è, che il mondo attorno a me somiglia sempre più a un deserto ingombro di macerie e spazzatura e la mia attenzione a volte è assorbita da una riflessione rabbiosa…

View original post 667 altre parole

Dietro la lavagna di Renzi

24 maggio 2015

Il Blog Di Giuseppe Aragno

Non una parola è mia. Ognuna della parole che seguono, tuttavia, ha un così forte senso di libertà, da trovare legittima cittadinanza nel mio blog. E’ una regola che violo molto raramente. Qui scrivo io. Questa è la regola, certo. Ma che senso ha una regola, se non c’è un’eccezione e se non è possibile violarla? Nessun senso. Ecco perché do la parola all’USI-AIT Educazione.

——————–

A seguito dei numerosi attacchi alla riforma “La Buona Scuola” portati avanti da studenti e docenti, il Presidente del Consiglio Renzi non ha trovato di meglio da fare, se non allestire l’ennesimo show televisivo in cui lui, e non il Ministro dell’Istruzione Giannini, spiega, in uno scenario precostruito, i fini e gli obiettivi del suo governo in materia di istruzione.
renzibugieEbbene, Renzi può mettere in scena ciò che meglio crede, ma assolutamente non può far passare per riforma scolastica la “sua

View original post 1.613 altre parole